COOKIE POLICY

Notizie

Novità e notizie sul mercato immobiliare

Agevolazioni prima casa 2017 dalla Regione 56 miloni

Agevolazioni prima casa 2017

Agevolazioni prima casa 2017 – stanziati 56 milioni

Agevolazioni prima casa 2017 – La Banca della Regione per la Regione – MedioCredito ancora in prima linea grazie alla Giunta Regionale. Quest’ultima ha approvato un’importante delibera che mette a disposizione dal 1 Gennaio 2017, 56 milioni di euro. La delibera è stata approvata al fine di sostenere l’acquisto della prima casa.

Per i residenti in regione, con necessità di un finanziamento potranno usufruire di questa importante agevolazione tramite il proprio istituto di credito. Si prevede che la garanzia delle Banca MedioCredito possa soddisfare circa 2.800 richieste. Ciò aggevolerà positivamente l’indotto del mercato immobiliare che pur, con importante segnali positivi, stenta enormemente nel ripartire.

La Giunta Regionale, su proposta dell’assessore alle Infrastrutture Mariagrazia Santoro, ha accolto un’altra importante delibera riguardante sempre il settore edile. Essa prevede la destinazione di 13 milioni 900mila euro per far fronte agli interventi di edilizia sovvenzionata ritenuti essenziali. Gli interventi di edilizia sovvenzionata sono stati stabiliti tramite la riforma della Casa. Ciò permette il finanziamento di 28 interventi volti a migliorare il patrimonio pubblico già presente del Sistema regionale delle ATER dei Comuni, accrescendo così il numero degli alloggi per i cittadini.

La Storia di MedioCredito

La banca MedioCredito del Friuli Venezia Giulia S.p.A. è stata istituita come Ente di diritto pubblico con legge dello Stato 31 luglio 1957 n.742 con l’obiettivo di favorire lo sviluppo dell’economia nel territorio del Friuli Venezia Giulia. Questo sviluppo avverrà attraverso l’assistenza finanziaria e creditizia alle piccole e medie imprese e la raccolta del risparmio a medio e lungo termine.

I limiti posti dall’ordinamento all’operatività sono stati attenuati nel tempo. Le principali modifiche hanno riguardato l’estensione dell’operatività anche al lungo termine. Inoltre saranno a favore di piccole e medie imprese artigiane, del commercio, dei trasporti e dei servizi. Infine offrirà la possibilità di effettuare finanziamenti anche al di fuori della propria area di competenza territoriale ed a favore di grandi imprese in caso di operazioni in pool. Con la Legge 30 luglio 1990, n. 218 (la c.d. “Legge Amato”) e il D. Lgs. 20 novembre 1990, n. 356 è stata, inoltre, estesa l’operatività anche alle persone fisiche ed alle grandi imprese e sono venute del tutto meno le limitazioni territoriali.

In data 24 dicembre 1992, l’Emittente si è trasformato da istituto di credito di diritto pubblico in società per azioni costituita con la denominazione “Mediocredito del Friuli-Venezia Giulia S.p.A.” per diventare, nel giugno 2009, “Banca Mediocredito del Friuli Venezia Giulia S.p.A”.